san ferdinando
Liturgia: Vangeli e Commenti
III Domenica dopo il Martirio di S. Giovanni il Precursore - 16 Settembre 2018 (B)

Giovanni 3, 1-13

In quel tempo. Vi era tra i farisei un uomo di nome Nicodèmo, uno dei capi dei Giudei. Costui andò dal Signore Gesù, di notte, e gli disse: «Rabbì, sappiamo che sei venuto da Dio come maestro; nessuno infatti può compiere questi segni che tu compi, se Dio non è con lui». Gli rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce dall’alto, non può vedere il regno di Dio».

Gli disse Nicodèmo: «Come può nascere un uomo quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e rinascere?». Rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quello che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito. Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall’alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito».

Gli replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro d’Israele e non conosci queste cose? In verità, in verità io ti dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo? Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo».

Third Sunday After St. John the Precursor's Martyrdom - 16 September 2018

John 3, 1-13

At that time. There was one of the Pharisees called Nicodemus, a leader of the Jews, who came to Jesus by night and said, 'Rabbi, we know that you have come from God as a teacher; for no one could perform the signs that you do unless God were with him.' Jesus answered: In all truth I tell you, no one can see the kingdom of God without being born from above.

Nicodemus said, 'How can anyone who is already old be born? Is it possible to go back into the womb again and be born?' Jesus replied: In all truth I tell you, no one can enter the kingdom of God without being born through water and the Spirit; what is born of human nature is human; what is born of the Spirit is spirit. Do not be surprised when I say: You must be born from above. The wind blows where it pleases; you can hear its sound, but you cannot tell where it comes from or where it is going. So it is with everyone who is born of the Spirit.

'How is that possible?' asked Nicodemus. Jesus replied, 'You are the Teacher of Israel, and you do not know these things! 'In all truth I tell you, we speak only about what we know and witness only to what we have seen and yet you people reject our evidence. If you do not believe me when I speak to you about earthly things, how will you believe me when I speak to you about heavenly things? No one has gone up to heaven except the one who came down from heaven, the Son of man.


 

Commento:

Carissimi,
               La pagina del vangelo secondo Giovanni di oggi ci presenta la figura di Nicodemo, un fariseo, un capo dei Giudei che decide di andare da Gesù perché i segni che Egli ha compiuto dicono chiaramente che è “venuto da Dio come maestro”. Giovanni ci dice anche che ci va di notte. Perché di notte? Probabilmente perché teme il giudizio dei suoi colleghi farisei. Ma in questo andare da Gesù di notte è come nascosta l’alba di un nuovo giorno per Nicodemo, una possibile rinascita, un “venire alla luce”, un passare dalla morte alla vita. Non a caso di un bambino che nasce si dice che “viene alla luce”.

C’è però un ostacolo a che questo possa accadere: Giovanni lo nasconde nelle parole di Nicodemo: “Sappiamo che…”. È la presunzione di sapere, è ciò per cui Nicodemo rinchiude Gesù dentro schemi noti. Ai suoi occhi Gesù deve essere un maestro, semplicemente, anche se fa segni straordinari.

Sono le parole stesse di Gesù a Nicodemo, qualche momento dopo, che ci dicono che il punto critico sta proprio in quella pretesa. Gli dirà Gesù: “Tu sei maestro di Israele e non conosci queste cose?”. Ironia buona, che non chiude ma invita ad andare oltre, a una apertura vera, senza pregiudizi e senza paura (sì, perché anche la presunzione è una forma di difesa da un nuovo che ti può mettere in discussione).

A che cosa invita Gesù? A "rinascere dall’alto" che è anche la possibilità di rinascere di nuovo, la possibilità di un nuovo principio (= genesi, creazione…). Non più una nascita secondo la carne, ma secondo lo Spirito. Senza questa rinascita – a noi impossibile ma non impossibile allo Spirito di Dio – non si può “vedere il Regno di Dio” che avviene in Gesù, non si può riconoscere in Gesù il Figlio dell’Uomo, cioè l’uomo che nella sua carne è rivelazione dell’identità di Dio. E senza questo riconoscimento si rimane nelle tenebre, la rinascita diventa impossibile.

Che cosa, finalmente, permetterà a Nicodemo di diventare un uomo libero? Lo scegliere di stare dalla parte di Gesù. Giovanni ci ripresenterà Nicodemo sotto la croce, al momento della morte di Gesù. Che cosa lo avrà convinto che solo lì (e non più nel Tempio) poteva vedere avvenire il Regno di Dio? Il contagio dello Spirito di Gesù. Nicodemo è rimasto esposto al vento dello Spirito e così ha potuto riconoscere nel crocifisso l’imprevedibile: Dio era proprio lì. “Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce ma non sai da dove viene e dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito”.

Il testo dalla Lettera ai Romani di oggi ci mostra, similmente, un’altra persona raggiunta e trasformata dal vento/fuoco/Spirito di Dio: Saulo-Paolo di Tarso. Che cosa lo ha convinto? Scrive così ai cristiani di Roma:

Fratelli, l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.
Infatti, quando eravamo ancora deboli, nel tempo stabilito Cristo morì per gli empi. Ora, a stento qualcuno è disposto a morire per un giusto; forse qualcuno oserebbe morire per una persona buona. Ma Dio dimostra il suo amore verso di noi nel fatto che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.

E noi? Dove cerchiamo qualcosa che ci convinca? Dove si volge la nostra ricerca di pienezza di vita?

Donaci, Signore, il tuo santo Spirito perché è il solo che sa far fiorire ogni deserto.